Certificazioni Lingue Straniere

Erasmus AK2 POR Regione Toscana
Nuova ECDL Sportello ascolto PON Annualità 2014 - 2020

 

il campo di concentramento di Mauthausen

Da martedì 27 febbraio a lunedì 12 marzo nell’atrio della nostra scuola sarà ospitata la mostra intitolata “La famiglia Martini. Una storia pratese fra Ottocento, Grande Guerra, Resistenza e Deportazione”.

L’esposizione, composta da tredici pannelli roll-up, è stata realizzata dalla Fondazione Museo e Centro di documentazione della Deportazione e Resistenza di Prato e narra alcuni passaggi fondamentali della storia di Prato e d’Italia attraverso l’ottica delle vicende che videro protagonista una delle famiglie più impegnate nella battaglia antifascista e sul versante della lotta per la libertà.

La mostra, infatti, racconta dettagliatamente la storia della famiglia Martini, abbracciando le generazioni precedenti e successive a Mario Martini, comandante militare per il Comitato di Liberazione nazionale (CLN) di Prato e poi al fianco degli Alleati dopo la liberazione del centro laniero. Attraverso la descrizione di tre generazioni che si sono avvicendate sullo sfondo della città di Prato, si assiste alle trasformazioni che portarono l'Italia dall'unità al fascismo e infine alla resistenza e alla repubblica, offrendo l'opportunità di conoscere donne e uomini che vissero la Storia da protagonisti e, nei momenti decisivi, dalla parte giusta. In particolare, Mario Martini dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 scelse consapevolmente di dare il suo contributo al movimento partigiano nel quale operarono anche sua moglie e i suoi figli. Fu proprio la partecipazione attiva alla Resistenza della famiglia che costò la deportazione a soli quattordici anni del figlio più piccolo Marcello nel lager nazista di Mauthausen.

I Martini, quindi, intrapresero un percorso complesso e talvolta contradditorio, ma certamente straordinario. Grazie a loro e a molti altri italiani che misero in gioco la propria vita per opporsi al regime nazifascista il nostro Paese è riuscito ad affrancarsi dalla dittatura giungendo alla democrazia.

La mostra giunge nel nostro Istituto in un momento assai significativo, poiché il 7 marzo ricorre l’anniversario della cattura e deportazione – durante gli scioperi del 1944 - degli operai pratesi, ad opera dei fascisti, nei campi di concentramento nazisti di Mauthausen, Ebensee, Gusen e Melk.

 

Albi e Bacheche

Circolari ed avvisi

Pubblicità legale

Amministrazione trasparente

Via di Reggiana, 86 - 59100 Prato
Telefono 0574 639705
PEO: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Codice fiscale 84008670485 - Codice Univoco ufficio: UFN7KZ - Codice Meccanografico POTD01000R
Vai all'inizio della pagina